Era da un po’ che cercavo un metodo organizzativo che si adattasse alle mie esigenze, ero una di quelle persone che partiva lanciata a inizio anno con la propria agenda per poi accantonarla, in più quotidianamente facevo post it in giro per casa per ricordarmi cose  che puntualmente mi  dimenticavo. Ma circa tre mesi  fa girando per il web ho scoperto il bullet journal.

Cos’è il bullet Journal?

Il bullet journal è un sistema analogico per tenere traccia del passato, organizzare il presente e pianificare il futuro. L’inventore è un designer statunitense, Ryder Carroll, che racconta di aver sempre avuto dei problemi a organizzare la sua vita in modo tradizionale e così ha inventato un metodo diverso, l’unico immediatamente chiaro ai suoi occhi.

Cosa ci serve?

Vi servirà un quaderno puntinato e numerato, una biro e i mille impegni, eventi, cose che volete tenere sotto controllo. Io ho acquistato su Amazon sia quaderno che penna, ma potete utilizzare tranquillamente quello che avete a casa, l’unica accortezza è che deve avere il numero della pagine perché sarà fondamentale poi nella ricerca dei vari contenuti.

Questo è il mio quaderno e queste le mie penne.

Come iniziare?

Io ho seguito passo dopo passo il sito dell’inventore, per poi rendermi conto che alcune categorie o alcuni modi di organizzare non erano adatti a me o me ne servivano in aggiunta altri. Quindi vi metterò qui di seguito quello che io ho trovato “più giusto” per la mia quotidianità e la mia pianificazione. Sembra una cosa complicata e che richiede molto tempo, ma in realtà è solo all’inizio perché dovete impostarla, poi vi assicuro che vi porta via 5 minuti (alla sera) in cui dovete organizzare la giornata successiva.

Per prima cosa stabilite le kay task, cioè i simboli che voi utilizzerete nell’agenda per segnalare gli impegni, le cose da fare o le priorità della giornata. Ovviamente questo metodo prende in considerazione i cambi di programma, basta utilizzare il simbolo task rimandati e riscrivere la stessa cosa il giorno dopo. Credetemi, alla terza volta che leggete la freccina di rimandato per senso di colpa lo fate, non scherzo!

Comunque i miei simboli sono questi:

 

Dopo aver creato le chiavi di lettura, create un indice. Ovviamente lo completerete mano mano che aggiornerete il vostro bullet. Quindi lasciate almeno tre pagine bianche per l’indice.

Questo è un esempio che ho trovato sul sito ufficiale del bullet journal:

Fatto questo, dovete decidere che tipo di pianificazione volete, quali sono le vostre esigenze. Io ho deciso di organizzarmi così: lavorando su turni ho bisogno di una visione mensile come prima cosa, poi una visione giornaliera e infine annuale (per ricorrenze o prenotazioni di vacanze).

Quindi ho creato il mio MONTLHY LOG: serve per organizzare il vostro mese.

Ovviamente questo è un esempio trovato online, non vi preoccupate anche io non so disegnare, non servono tutte queste prove d’artista, è personalizzata, quindi ognuno fa come vuole e come può.

Poi ho creato il mio DAILY LOG, per organizzare le mie giornate, i miei impegni.

 

Presi online anche questi, ma io ho fatto la stessa cosa. Ho suddiviso la pagina in 4 celle, in ogni cella ho messo in alto a sinistra il giorno, il giorno della settimana e il mese, in alto a destra il tempo (sole o pioggia) che inserisco a fine giornata e poi tutti i miei impegni con i simboli  a seconda della tipologia. Se si tratta del lunedì ho anche inserito una mini tabella con gli altri giorni della settimana, così da avere un quadro più completo.

Ho creato poi il mio FUTURE LOG, cioè la tabella annuale, dove inserisco compleanni, anniversari, ferie ecc. In realtà questa l’ho creata subito dopo l’indice, così da avercela sempre sotto mano.

 

In aggiunta io ho messo un food tracker. Essendo a dieta il mio alimentarista mi ha dato una tabella di quello che mangio giornalmente, che poi io ho riprodotto sul mio bullet. Colazione, pranzo, cena e le varie merende. In questo modo riesco ad organizzarmi anche la spesa settimanale.

E da ormai un mesetto ho aggiunto due nuove categorie:

  • Categoria spese mensili: Ho fatto una tabella con le entrate e le uscite, così ho sempre sotto controllo la situazione e mi rendo conto di dove faccio la brava e dove spendo come una capra.
  • Categorie scoperte mensili: appiccico foto, biglietti da visita, biglietti di concerti, insomma quello che scopro o faccio mensilmente lo inserisco in queste pagine, così ho anche dei “ricordi” e non solo impegni e cose da fare.

Poi ovviamente c’è gente ossessionata che crea log per qualsiasi cosa, ma io li trovo carini, non avrei mai il tempo di farli ma bisogna riconoscere che sono molto belli ad esempio:

Tanto per rimanere in tema, Luna piena in bilancia questo mese, ma tratteremo prossimamente questo argomento ahahaha

Che ne pensate? Come vi organizzate? Lo avete già? Oppure siete tradizionalisti e non abbandonerete mai e dico mai la vostra agenda impostata? Io facendo così mi sento molto più organizzata e direi anche di avere la situazione più sotto controllo, sarà che imposti e fai tutto tu, ma psicologicamente mi aiuta.

Write A Comment